AMENDOLARA.EU - Foto, Video, Cultura, Tradizioni ed Eventi

Cerca

Vai ai contenuti

Allarme ad Amendolara. Denuncia inquinamento elettromagnetico 2. (1996)

Centro Studi per Amendolara



Allarme ad Amendolara. Denuncia inquinamento elettromagnetico 2. (1996)


DENUNCIA INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO


Rocco Turi:
Allarme ad Amendolara
.

IL TIRACCIO, anno XXII, n.7-8, ottobre-dicembre 1996, p.7.


Circola insistentemente voce che nel pieno centro abitato di Amendolara Marina stia per essere costruita una potentissima cabina dell'alta tensione. Nessuna azione concreta, tuttavia, è stata compiuta da parte dei cittadini per lanciare l'allarme che ne deriva. Forse non se ne comprende il significato, la gravità e le conseguenze sulla popolazione per un raggio di alcune centinaia di metri. Forse la carenza di senso civico è alla base di questo comportamento. Neppure l'Amministrazione comunale e il sindaco, architetto Maria Rita Acciardi, hanno reagito con posizioni ufficiali sulla importante questione.
E' ben noto che le radiazioni elettromagnetiche emesse da cabine o tralicci siano subdole e dannose alla salute umana. Queste, infatti, quando vengono in contatto con parti sensibili del corpo incidono profondamente nel funzionamento di organi vitali e strutture nervose. E' stato scientificamente dimostrato che la diminuzione della fertilità, dell'udito e della vista, soprattutto nelle ragazze e nei giovani, siano fortemente correlati con l'emissione delle radiazioni elettromagnetiche. E' singolare, poi, che la cabina venga costruita proprio nelle vicinanze della scuola materna e in un'area ad elevata densità abitativa, senza che l'Amministrazione comunale prenda posizioni ufficiali di assoluta opposizione.
Appare quanto meno doveroso un intervento risolutivo del sindaco affinché la situazione in atto venga a cessare immediatamente. E' auspicabile, nel contempo, una decisa presa di posizione degli abitanti di Amendolara Marina e, soprattutto, dei genitori di giovani e bambini, i quali sarebbero i primi a subire conseguenze inevitabili dalle continuate emissioni di radiazioni elettromagnetiche sul proprio corpo. E' urgente che la popolazione e i genitori dei giovani a rischio - ben sapendo di non essere protetti e difesi - si oppongano a questo progetto sciagurato nel bene e nell'interesse dei propri figli e della loro salute!
In diverse località italiane le strutture che emettono radiazioni elettromagnetiche dislocate nei centri abitati sono state quasi del tutto rimosse. E' assurdo che nel nostro paese debba compiersi indisturbati l'operazione contraria e dannosa alla salute dei cittadini.
Il sindaco di Amendolara si preoccupi della saluti degli amendolaresi cercando un nuovo sito ben lontano dal centro abitato per la nuova cabina dell'alta tensione. Solo così sarà possibile rimuovere il rischio di gravi epidemie sociali.

Rocco Turi

P.S.
In mancanza di una risposta alla privata lettera denuncia del 23 ottobre 1996 inviata al Sindaco di Amendolara, in questo articolo viene lanciato un accorato appello pubblico all'Amministrazione comunale. Inoltre, l'intera pagina de IL TIRACCIO comprende anche l'articolo "Via quei sassi dal Museo Archeologico di Amendolara", sempre a cura del "Centro Studi per Amendolara e per l'Alto Jonio".

Contemporaneamente all'articolo su IL TIRACCIO, viene diramato anche un analogo testo per le Agenzie di Stampa.

www.amendolara.eu
febbraio 2016



Home | Presentazione | News | Galleria Fotografica | Monumenti | Feste e Tradizioni | Video | Contatti | Download | Links | Guestbook | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu