AMENDOLARA.EU - Foto, Video, Cultura, Tradizioni ed Eventi

Cerca

Vai ai contenuti

AMENDOLARA LA QUESTIONE ARCHEOLOGICA 14. (1997-1998)

Centro Studi per Amendolara



AMENDOLARA: LA QUESTIONE ARCHEOLOGICA 14. (1997-1998)


ROCCO TURI
REPLICHE

Ad un confronto fra la mozione originale sottoposta all'approvazione del Consiglio comunale di Amendolara e quella pubblicata, risultano evidenti alcune modificazioni del testo. Pertanto viene ritenuta necessaria una replica con la seguente lettera del 27 dicembre 1997
al Segretario comunale Nicola Di Leo.



In riferimento alla Sua lettera prot. n. 5914 del 24 dicembre 1997 Le comunico che, nonostante la lunga attesa rispetto agli accordi verbali, la deliberazione del Consiglio Comunale n.36 del 18 novembre 1997, recante "Mozione sul Museo Archeologico di Amendolara", pubblicata in data 23 dicembre 1997, appena ricevuta, NON E' CONFORME AL DOCUMENTO ORIGINALE VOTATO IN ASSEMBLEA. La invito pertanto a rettificare il testo fattomi pervenire.
Con la presente chiedo il rilascio di copia della mozione, di cui si parla, opportunamente rettificata. Chiedo, inoltre, che essa mi venga inviata al medesimo indirizzo.

Una seconda lettera raccomandata (con oggetto: Delibera n.36 del 18 novembre 1997 "Mozione sul Museo Archeologico di Amendolara", pubblicata in data 23 dicembre 1997, ricevuta il 24 dicembre 1997 con lettera prot. n.5914 del Segretario comunale) viene scritta il 4 gennaio 1998 al Sindaco (raccomandata n.5934, 7 gennaio 1998, ufficio postale di Roges di Rende), al Segretario Comunale (raccomandata n.5935, 7 gennaio 1998, ufficio postale di Roges di Rende), al Consigliere Carmelina Oriolo (raccomandata n.6113, 8 gennaio 1998, ufficio postale di Roges di Rende), al Capogruppo Lista Campana Prof. Vincenzo Gerundino (raccomandata n.6318, 9 gennaio 1998, ufficio postale di Roges di Rende) al Capogruppo Lista Arcobaleno Dr. Francesco Martorano (raccomandata n.6319, 9 gennaio 1998, ufficio postale di Roges di Rende), Capogruppo PDS.

A seguito della lettera in data 26 dicembre 1997, inviata via fax n.0981-911416 al Segretario comunale dr. Nicola Di Leo, consegnata al prof. Vincenzo Gerundino e fatta pervenire al dr. Francesco Martorano, si prega di portare a conoscenza del Consiglio comunale di Amendolara (il Consiglio comunale, riunitosi il 15 gennaio 1997, ha approvato il verbale della precedente seduta - dedicata alla mozione sul museo archeologico - e non ha informato i Consiglieri della presente raccomandata, come richiesto) - e quindi di inserire in ordine del giorno della prossima seduta - il contenuto della presente raccomandata.
A tale scopo, si invita la S.V.Ill.ma di adeguare il testo della mozione in oggetto, pubblicata il 23 dicembre 1997, a quello effettivamente esibito e approvato in Consiglio comunale di Amendolara in data 18 novembre 1997. Si fa presente che il testo pubblicato risulta modificato in oltre dieci parti e che in alcune di esse viene stravolto filologicamente e linguisticamente il contenuto originario. E' noto infatti che il testo votato in Assemblea, abbondantemente letto e registrato, non può essere, in alcun caso, modificato.
Ai Signori Capogruppi e Consiglieri comunali viene rivolto il caloroso invito di esercitare rigorosamente le proprie funzioni istituzionali di controllo e vigilanza sulla base delle norme vigenti.
Nella certezza che l'atto venga compiuti al più presto, se ne chiede il rilascio in copia conforme.

Una ulteriore lettera (con oggetto: Mozione sul Museo Archeologico di Amendolara n.36 del 18.11.1997) è scritta il 16 febbraio 1998 al Sindaco (raccomandata n.3968, 17 febbraio 1998, ufficio postale di Roges di Rende) e al Consiglio comunale:

Si prega di informare i consiglieri comunali, nel corso della prossima seduta ufficiale, leggendo integralmente - a norma di legge - il contenuto di questa lettera. Si fa presente che di una precedente lettera inviata al consiglio comunale del 15.1.1998 non è stata data alcuna lettura integrale ufficiale. Tanto per la chiarezza e la trasparenza.
Immaginavo che un Consiglio comunale dovesse occuparsi di temi più seri e di interventi efficaci a favore del mio paese. Apprendo invece che il consiglio comunale di Amendolara, nella seduta del 18 novembre 1997 si è riunita per approvare una lunga mozione "contro" la mia persona. Non entro nel merito del documento. La ringrazio altresì per l'onore riservatomi. Ne sono fiero.
Tuttavia, mi trovo costretto di invitarla, unitamente al suo consiglio comunale e a chiunque altro lo desideri, ad un pubblico dibattito televisivo presso il circuito Mediaset, ben disposto ad ospitare l'incontro. Pertanto, la invito a contattare la direzione televisiva al fine di fissare la data della esibizione e la prego di informarmi.
Nel frattempo la invito a chiarire al suo consiglio comunale le cause, ben note, della sua insofferenza nei miei confronti, un giornalista in grado di pensare e di esprimere con autonomia, civiltà, classe e competenza i propri concetti.
Aggiungo inoltre che le intimidazioni e l'ostilità sono categorie comportamentali non adatte a chi intende svolgere attività politica di rilancio di un paese, mai come ora, in crisi di valori e di sviluppo.
Ai consiglieri comunali del mio paese, cui è rivolta la presente lettera, giunga l'invito di esercitare rigorosamente le proprie funzioni istituzionali di controllo e vigilanza sulla base delle norme vigenti.
Non consideri questa una sfida, ma solo la necessità inderogabile di fare chiarezza politica e luce piena sulla onestà intellettuale di chi studia e lavora con impegno e rigore. E non accetta intimidazioni.
Le parole passano, i fatti restano. Altrettanto le mie certezze.

www.amendolara.eu
febbraio 2016


Home | Presentazione | News | Galleria Fotografica | Monumenti | Feste e Tradizioni | Video | Contatti | Download | Links | Guestbook | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu