AMENDOLARA.EU - Foto, Video, Cultura, Tradizioni ed Eventi

Cerca

Vai ai contenuti

Il cimitero della civiltà

Centro Studi per Amendolara



2012
IL CIMITERO DELLA CIVILTA'


Mi è stato fatto recapitare da Amendolara la poesia IL CIMITERO DELLA CIVILTA' che circola in paese in quattro cartelle stampate e numerate, purtroppo priva del nome del suo autore. Ho il piacere di chiarire questa "piccola" omissione (ma mi è "costato" molto tempo - perso per altre occupazioni - ricopiare l'intera poesia in questo sito). Si tratta di un'opera di personale conoscenza, contenuta nel volume <<'A livella>>, più volte citata nelle mie lezioni universitarie di Sociologia. IL CIMITERO DELLA CIVILTA', pur composta oltre mezzo secolo fa, risulta la più significativa e attuale, dal punto di vista sociale, rispetto alle altre, pur belle e divertenti, opere pubblicate e soprattutto rispetto alla poesia <<'A livella>>, che ha dato il titolo al volume.
IL CIMITERO DELLA CIVILTA' fu composta da <<Totò>> Antonio De Curtis e fa parte della raccolta <<'A livella, poesie napoletane>>, con prefazione di Carlo Nazzaro, Fausto Fiorentino Editore, Napoli, 1964. L'archivio storico librario del <<Centro Studi Per Amendolara>> custodisce anche le ristampe 1971 e 1975, nonché la nuova edizione Gremese editore, 1992. Tuttavia, il CSA custodisce inoltre centinaia di libri di poesie di autori classici e moderni, poesie filosofiche e in vernacolo, ma anche libri regionali, da nord a sud, di poeti dilettanti senza pretese e per il loro solo piacere del divertimento.
Il volume <<'A livella>> contiene 26 poesie di Totò e IL CIMITERO DELLA CIVILTA' è a p. 133. Il mio forte legame con la poesia IL CIMITERO DELLA CIVILTA' e con tutte le altre pubblicate nel libro risale all'epoca scolastica.
Le poesie di Toto le leggevamo fra studenti nel corso delle notti di occupazione studentesca fatte nel gennaio 1969. Non tutti sanno (o ricordano) che anche le manifestazioni studentesche del "mitico" sessantotto furono recepite in Italia meridionale solo nel gennaio 1969.
Il simpatico volume <<'A livella>> fece anche parte del mio bagaglio di libri negli anni ottanta, all'epoca dei primi studi all'Accademia delle Scienze di Praga e all'Università Brno - in Moravia - e poi in Ungheria: spesso il libro veniva tirato fuori negli incontri conviviali serali fra colleghi italiani e cecoslovacchi o ungheresi, curiosi e desiderosi di conversare sulla nostra letteratura e sulla cinematografia del realismo italiano. (Rocco Turi)



Trascrizione originale della poesia IL CIMITERO DELLA CIVILTA', composta da <<Totò>>, dal volume: Antonio De Curtis, Fiorentino Editore, Napoli, 1964, p. 133:

Aiere ha fatto 'n'anno - 'o diece 'e maggio,
'na matenata calda e chiena 'e sole -,
penzaie 'ncapo a me: cu che curaggio
io stamatina vaco a faticà!

Facenno 'o paro e sparo mme susette:
<< Mo mme ne vaco 'a parte 'e copp' 'o Campo >>.
"Int'a ddiece minute mme vestette
cu 'e mocassine e cu 'o vestito blu.

Nun facette sparà manco 'o cannone
ca già stevo assettato 'int' 'a cantina,
annanze a 'nu piatto 'e maccarune:
nu zito ch'affucava 'int' 'o ragù.

C' 'a panza chiena, a passo… chianu chiano
Mme ne trasette dint'a na campagna,
mmocca nu miezo sigaro tuscano,
ca m' 'o zucavo comme 'o biberò.

Tutto a nu tratto veco nu spiazzale
chino 'e ferraglie vecchie e arrugginite.
E ched' è, neh?...nu campo 'e residuate:
<< Il cimitero della civiltà >>.

Nu carro armato cu 'a lamiera rotta…
Trattore vecchie… machine scassate…
n' << Alfetta >> senza 'e qquattre rote 'a sotto…
pareva 'o camposanto d' 'a Pietà!

Guardanno a uno a uno sti ruttame,
pare ca ognuno 'e lloro mme diceva:
<< Guardate cc'à cosa addiventiamo
Quanno 'a vicchiaia subbentra 'a gioventù >>.

Mmiezo a sta pace, a stu silenzio 'e morte,
tutto a nu tratto sento nu bisbiglio…
appizzo 'e rrecchie e sento 'e di' cchiù forte:
<< Mia cara Giulietta, come va? >>

Chi è ca sta parlanno cu Giulietta?
Nmiezo a stu campo nun ce sta nisciuno…
Tu vuò vedè che l'hanno cu' ll' << Alfetta >>?
Cheste so ccose 'e pazze! E chi sarrà?

Mme movo chianu chiano… indifferente,
piglio e mm'assetto 'ncopp' 'o carro armato…
quanno 'a sotto mme sento 'e di': << Accidente!... >>.
E chisto mo chi è? Che vularà?

Chi ha ditto sti pparole? Chi ha parlato?
I' faccio sta domanda e zompo all'erta…
<< So' io ch'aggio parlato: 'o carro armato…
Proprio addu me v'aviveve assettà?

A Napule nun se po' sta' quieto.
Aiere un brutto cane mascalzone
se ferma, addora… aiza 'a coscia 'e reto,
e po' mme fa pipì 'nfaccia 'o sciassì >>.

<< Vi prego di accettare le mie scuse,
v' 'e ffaccio a nome anche del mio paese;
ma voi siete tedesco o Made in Usa?
E come vi trovate in Italy? >>.

<< Sono tedesco, venni da Berlino
per far la guerra contro l'Inghilterra;
ma poi - chiamalo caso oppur destino -
'e mmazzate ll'avette proprio cca'! >>

<< Ah, si… mo mme ricordo… le mazzate
ch'avisteve da noi napoletani…
E' quando furon… quattro le giornate,
si nun me sbaglio. O qualche cosa 'e cchiù?

<< Furon quattro. Mazzate a tutte pizze:
prete, benzina, sputazzate 'nfaccia…
aviveve vedè chilli scugnizze
che cosa se facettero afferrà! >>

<< Caro Signore, 'o nuosto è 'nu paisiello
ca tene - è overo - tanta tulleranza;
ma nun nce aimma scurdà ca Masaniello
apparteneva a chesta gente ccà.

E mo mm'ite 'a scusà ll'impertinenza,
primma aggio ntiso 'e di': << Cara Giulietta >>.
Facitemmella chesta confidenza:
si nun mme sbaglio era st' << Alfetta >> ccà? >>.

<< Appunto, sì, è qui da noi da un mese…
'A puverella è stata disgraziata,
è capitata mmano a un brutto arnese,
…chisto nun ha saputo maie guidà.

Io mm' 'a pigliasse cu 'e rappresentante,
cu' chilli llà che cacciano 'e ppatente;
chiunque 'e nuie, oggi, senza cuntante,
se piglia 'a macchinetta e se ne va >>.

<< Di macchine in Italia c'è abbondanza… -
rispose sottovoce 'a poverella -
si no che ffà… po' nce grattammo 'a panza:
chillo ca vene ll'avimmo acchiappà.

Giulietta, raccontate qui la signore
i vostri guai - dicette 'o carro armato -
L' << Alfetta >> rispunnette a malincuore:
<< Se ci tenete li racconterò >>.

Come sapete, sono milanese,
son figlia d'Alfa e di papà Romeo,
per fare me papà non badò a spese;
mi volle fare bella << come il fo >>!

Infatti, mi adagiarono in vetrina,
tutta agghindata… splendida… lucente!
Ero un' << Alfetta >> ancora signorina:
facevo tanta gola in verità!

Un giorno si presenta un giovanotto
Cu' tanto nu paccotto 'e cambiale,
io, poverella!, avette fa' 'o fagotto,
penzanno: Chi sa comme va a fernì!

Si rivelò cretino, senza gusto:
apparteneva 'a giuventù bruciata >>…
Diceva a tutti quanti: Io sono un fusto;
'e ffemmene cu mmico hanna cadè!

Senza rispetto, senza nu cuntegno…
cambiava tutt' 'e fiorne… signorina:
ci conduceva al solito convegno…
…alla periferia della città.

Chello ca cumbinava'o giovanotto?
Chi mai ve lo potrebbe raccontare:
io nn'aggio mantenute canne lotte
'e tutte specie, 'e tutte 'e qqualità:

la signorina di buona famiglia,
'a vedova, 'a zetella, 'a mmaretata…
E quanno succedette 'o parapiglia,
stavamo proprio cu' una 'e chesti ccà.

In una curva, questo gran cretino,
volle fare un sorpasso proibito,
di fronte a noi veniva un camioncino,
un cozzo, svenni, e mo mme trovo ccà >>.

<< A nu fetente 'e chisto ce vulesse
'nu pali atone, 'na scassata d'osse…
Ma comme - dico i' po' - so' sempe 'e stesse
ca t'hanna cumbinà sti guaie ccà? >>

<< E che pensate 'e fa', donna Giulietta? >>
<< E ch'aggia fa'? - rispose 'a puverella -
So che domani viene una carretta,
mme pigliano e mme portano a squaglià >>.

<< Giulietta… via, fatevi coraggio -
(dicette 'o carro armato). Io ero un << Tigre >>,
il popolo tremava al mio passaggio!...
Mannaggia 'a guerra e chi 'a vulette fa'!

Io so' cosa faranno del mio squaglio:
cuperchie 'e cassarole, ribinette,
incudini, martelli, o qualche maglio,
e na duzzina 'e fierre pe' stirà >>.

<< io vi capisco… sono dispiaciuto…
ma p' 'e metalli 'a morte nun esiste;
invece 'e n'ommo, quanno se n'è ghiuto,
manco na cafettera se po' ffa'!

(Totò, Antonio De Curtis)


E' necessario tuttavia rilevare che il dialetto scritto del napoletano non è stato ben curato da Totò. Ma questa è un'altra storia e me ne occuperò in futuro. (RT)

www.amendolara.eu
Maggio 2012


Home | Presentazione | News | Galleria Fotografica | Monumenti | Feste e Tradizioni | Video | Contatti | Download | Links | Guestbook | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu