AMENDOLARA.EU - Foto, Video, Cultura, Tradizioni ed Eventi

Cerca

Vai ai contenuti

Nell'attesa del Natale

Centro Studi per Amendolara



IL TIRACCIO, anno XIX, n.9, novembre 1993, p.6.

Nell'attesa del Natale.

Di Rocco Turi



Ai primi del secolo la preparazione del tavolo natalizio costituiva un impegno piacevolmente atteso dalle famiglie amendolaresi. Regnando una latente povertà era importante pensare per tempo all'allestimento del cenone della vigilia e del pranzo di Natale.
Anche una cipolla - avuta giorni e giorni prima - era utile per l'imminenza della festa. Le cipolline selvatiche raccolte durante l'aratura con buoi o asini nel corso dell'autunno, i fichi secchi lavorati a forma di crocette imbottite con mandorle, le mele rosate del tipo rimungelle provenienti dal bosco di Straface, conservate in reti appese al balcone, erano anche questi cibo povero ma raccolto con amore ed entusiasmo pensando al Natale. Ecco che nei primi anni di questo secolo si pensava al Natale sin dall'estate precedente, non già dai primi di dicembre.
La vigilia del Natale era giorno di digiuno e di astinenza. Ma tutti erano pronti per partecipare ad un cenone ricco di pietanze cucinate nella povera ed essenziale tradizione contadina; un cenone unico nel corso di tutto l'arco dell'anno.
Per tutto il giorno la gente di Amendolara era impegnata a verificare che tutto era stato preparato e quindi a fare le ultime povere spese, per chi ne aveva la possibilità, o a barattare i vari prodotti necessari. Così, chi abitava nelle campagne si muoveva verso il paese per eventuali approvvigionamenti con l'unico mezzo di trasporto a propria disposizione: l'asino.


www.amendolara.eu
dicembre 2012



Home | Presentazione | News | Galleria Fotografica | Monumenti | Feste e Tradizioni | Video | Contatti | Download | Links | Guestbook | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu