AMENDOLARA.EU - Foto, Video, Cultura, Tradizioni ed Eventi

Cerca

Vai ai contenuti

Quello che occorre alla scuola di Platì

Centro Studi per Amendolara



Calabria, anno XX, n.83, giugno 1992, p.73


QUELLO CHE OCCORRE ALLA SCUOLA DI PLATI'
Le richieste della Direzione didattica al Comune di Platì.
Richieste raccolte da Rocco Turi


Le richieste più urgenti per un migliore funzionamento della scuola elementare di Platì, inoltrate per l'anno scolastico 1991-92 dalla Direttrice didattica, dottoressa Caterina Autelitano, al Commissario prefettizio del Comune lasciano intendere in quale stato di degrado siano ridotte le strutture scolastiche del paese. Ecco le esigenze più impellenti:

Scuola Elementare:

1) Sostituzione infissi e vetri;
2) Sostituzione porte e serrature;
3) Riparazione persiane e saracinesca;
4) Tinteggiatura pareti;
5) Rifacimenti di pavimentazione di alcuni locali;
6) Copertura tubazioni e vano caldaia del gasolio;
7) Pulizia generale cortile e pitturazione cancello;
8) Sostituzione balconi laterali entrata Direzione;
9) Distruzione materiale fuori uso (banchi ed altro) e utilizzo locali ingombri (cucina, sala docenti);
10) Installazione sostegni per i lavabi dei servizi igienici;
11) Sostituzione vaschette di scarico dei servizi igienici degli insegnanti;
12) Potenziamento approvvigionamento idrico;
13) Installazione di una tettoia entrata direzione (nei giorni di pioggia l'acqua penetra nell'atrio);
14) Potenziamento energia elettrica;
15) Riparazione interna dell'impianto elettrico (alcune aule sono al buio);
16) Controllo all'impianto di riscaldamento e fornitura gasolio;
17) Verniciatura caloriferi, spurgatura o sostituzione di alcuni elementi non funzionanti;
18) L'arredamento della aule è fatiscente e deve essere rinnovato nella sua completezza;
19) Sostituzione sedioline (Le sedioline presenti non solo sono fatiscenti, ma poco adatte, per dimensioni, all'età cronologica dei bambini con evidenti rischi, per gli stessi, di distorsioni inevitabili sul piano dello sviluppo fisico);
20) Sostituzione banchi (Almeno 20. I banchi in dotazione, non solo sono vecchi, ma insufficienti a coprire il fabbisogno);
21) Fornitura di 90 sedie per adulti per arredare la sala riunioni (Allo stato attuale in occasione delle riunioni collegiali, bisogna trasportare le "vecchie" sedioline in dotazione delle aule);
22) Fornitura di 5 scrivanie per ufficio (segreteria);
23) Fornitura di 5 poltroncine girevoli per segreteria;
24) Arredamento per l'ufficio della Direzione didattica;
25) Predisposizione camera blindata per la custodia dei sussidi, materiale didattico e archivio (si consiglia l'utilizzo dell'ex cucina);
L'edificio, di vecchia costruzione, a parere della direttrice, necessita ancora di interventi generali di ristrutturazione ed ampliamento dei locali adibiti ad aule. Queste, ricavate per ragioni di necessità (aumento della popolazione scolastica) dallo spazio destinato a corridoio, sono strette e poco rispondenti, per motivi di ordine fisiologico ed igienico, ai bisogni dell'utenza scolastica. Viene richiesta pure una certificazione di abitabilità di tutti gli edifici scolastici ricadenti nel territorio del Comune.

Scuole materne:

Sono ubicate in edifici privati. Gli stessi sono poco adatti al funzionamento della scuola. In particolare, ad avviso della direttrice didattica, tale inadeguatezza, riferibile a fattori di ordine igienico sanitario, si riscontra solo in alcune sedi. Poiché tali carenze non solo pregiudicano il sereno svolgimento delle attività didattiche, ma mettono a repentaglio l'incolumità fisica dei bambini, si consiglia di provvedere al reperimento di locali più idonei.
Per tutti i numerosi plessi delle scuole materne vengono richiesti interventi urgenti simili a quelli già effettuati per la scuola elementare. Appare inutile elencarli.
La dottoressa Autelitano mostra un fascicolo contenente numerose petizioni avanzate il 3 ottobre 1991 e riguardano pure interventi sul personale ausiliario, l'assistenza medico-psichica e l'assistenza agli alunni minorati psico-fisici. Vengono richiesti sussidi audiovisivi e materiale didattico, una fornitura di registri, stampati e materiale di cancelleria, una fornitura gratuita di libri di testo, un servizio trasporto completo e un servizio mensa, nonché altri interventi elencati in un voluminoso dossier di dieci cartelle.
A parere della direttrice didattica, la risposta del Commissario prefettizio appare disarmante a causa delle evidenti deficienze finanziarie.
Tuttavia, fra le autorità nasce anche una simpatica querelle che appare proprio il frutto di una guerra fra poveri.
Infatti, dopo la richiesta avvenuta all'inizio dell'anno scolastico, nel gennaio scorso il Comune provvede a fornire la scuola del gasolio necessario per il riscaldamento. Ma dopo breve tempo giunge in comune una nuova richiesta di combustibile.
Il Commissario del Comune lamenta invece un eccessivo consumo di gasolio; anzi rimprovera alla direttrice didattica di aver tenuto aperti a tutto regime i riscaldamenti anche nelle giornate tiepide dell'inverno e, per tale ragione, chiede spiegazione dell'eccessivo gasolio consumato.
La dottoressa Autelitano ritiene minaccioso il tono accusatorio e definisce "pettegolezzi da mercato" il sospetto di sperpero di combustibile, non mancando di precisare ancora una volta la gestione accurata della sua scuola ed elenca le richieste inevase. Naturalmente coglie pure l'occasione di precisare che gli insegnanti delle scuole materne hanno più volte provveduto in proprio all'acquisto del materiale necessario per la pulizia delle aule.
R.T.

Pagina 75:
----------------------------------------------
CIRCOLO DIDATTICO DI PLATI'
Numero degli alunni su 3.763 abitanti

Circolo:
Scuola elementare: 554
Scuola materna: 344

Platì centro:
Scuola elementare: 259 in 14 classi
Scuola materna: 80 in 4 sezioni
-----------------------------------------------

www.amendolara.eu
gennaio 2013


Home | Presentazione | News | Galleria Fotografica | Monumenti | Feste e Tradizioni | Video | Contatti | Download | Links | Guestbook | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu