AMENDOLARA.EU - Foto, Video, Cultura, Tradizioni ed Eventi

Cerca

Vai ai contenuti

Risposta al Prof. Vincenzo Gerundino Palingenesi. (2016) 4.

Centro Studi per Amendolara



Risposta al Prof. Vincenzo Gerundino / Palingenesi (2016) 4.


Palingenesi
PRIMO OBIETTIVO:
RIPORTARE LE MONETE SOTTRATTE
AL MUSEO ARCHEOLOGICO DI AMENDOLARA


Gli amendolaresi hanno una Ferrari
ma la fanno marciare come una cinquecento!


Bisogna aiutare gli amendolaresi ad avere la forza di liberarsi dalle paure di assoggettamento agli altri e a non essere servili in cambio di favori; a fare le cose senza aspettarsi un grazie o l'atteso regalo di Natale; ad amministrare il paese senza ottenere alcunché in cambio per essere credibili nella loro difesa di Amendolara. Per Amendolara ho fatto la mia parte e continuo a farla in maniera rigorosa, caro Cenzino, nella personale attività sociologica e giornalistica e in oltre cinquant'anni di "Centro Studi per Amendolara e per l'Alto Jonio". Mi auguro che nel corso della prossima campagna elettorale ci sia qualcuno che dica: "Se sarò eletto rinuncerò alla mia indennità di sindaco e gli assessori e consiglieri rinunceranno alle loro prebende; tutti amministreranno per altruismo e per il bene del paese...".
Mi auguro ancora che i prossimi candidati elettorali assumano come prima iniziativa il ritorno delle monete ritrovate negli scavi archeologici, unica via per lanciare il turismo vero in Amendolara, tale da fare concorrenza al Museo Nazionale della Magna Grecia a Reggio Calabria; in tal caso mi auguro che - una volta riportate nelle vetrine del Museo di Amendolara, come furono ben collocate molti anni fa - le monete vengano "gestite" direttamente dalla Soprintendenza con adeguata professionalità archeologica. Infatti, a nessuno sfugge che il sito archeologico di Trebisacce stia ricevendo maggiore attenzione a ogni livello e che il museo amendolarese lo stiano facendo depauperare. Tutto questo risulta molto chiaro al "Centro Studi per Amendolara e per l'Alto Jonio"; nessuno altro lo denuncia. Non a caso, il Museo Archeologico di Amendolara appare avulso, estraneo, scollegato dalla cittadinanza e dalla classe politica e dall'Amministrazione comunale.

Altresì, mi auguro che i candidati alle prossime elezioni comunali dichiarino di dimettersi nel caso non riuscissero nell'obiettivo entro un anno. Avrebbero dovuto farlo già gli amministratori indifferenti che osservarono la fuga delle monete - senza reagire - e tutti coloro che nulla hanno fatto per il loro ritorno a casa.

A volte arriva questa smania di diventare sindaci senza applicarsi adeguatamente o conoscere meglio il proprio paese...

Per Amendolara, le monete sottratte al paese - avocate prima a Sibari e poi trasferite al Museo Nazionale di Reggio Calabria, a causa della loro importanza - rappresenterebbero una Ferrari in pole position. Gli amministratori locali invece, con le loro bagattelle e le modeste iniziative, non vedono la realtà e fanno muovere questo paese al ritmo di una vecchia e decrepita cinquecento. Qualcuno marcerà su questa campagna rivoluzionaria del "Centro Studi per Amendolara e per l'Alto Jonio" (senza citarlo) e si approprierà dell'idea a modo suo, come già accaduto in passato. La mia opinione è che non credo sia presente ad Amendolara un candidato disposto a rinunciare alle indennità e a battersi per il ritorno a casa delle monete ritrovate, sino a prova contraria - evidentemente.
La mia opinione è che, sommando l'indennità percepita dal sindaco e dagli assessori, in cinque anni si arriverebbe alla modica cifra lorda di 250mila Euro (1), buona - ma con l'aggiunta di idee adeguate - da spendere interamente per un programma di palingenesi del complessivo territorio di Amendolara, finalizzato all'archeologia.

Per essere eletto sindaco altruista in questo paese servono idee e argomenti "forti" e il "Centro Studi per Amendolara e per l'Alto Jonio" ne possiede moltissimi altri da dispensare senza contropartita. Prepara tu una lista - caro Cenzino - fai pubblico giuramento di rinuncia alle indennità anche a nome di tutti i futuri amministratori e già con questo iniziale programma proposto saresti un vincente. Scommettiamo?

Rocco Turi

(1)
Il calcolo è stato fatto sulla base della TABELLA "A" - Indennità di funzione a regime: amministratori dei comuni e delle province (importi mensili lordi espressi in euro). Gli importi sono indicati al lordo delle ritenute d'imposta e sono stati arrotondati per semplicità di calcolo. La tabella non comprende il valore dei gettoni di presenza attribuiti ai consiglieri comunali. Il calcolo dell'indennità di funzione è stato effettuato in riferimento ai Comuni con popolazione compresa tra 3001 e 5000 abitanti. In questo caso, l'indennità del sindaco è di 1.691 Euro, che viene maggiorata del 35 % (2.283 Euro) se trattasi di persona non dipendente. Il Vice sindaco arriva a 913 Euro (comprende l'indennità maggiorata del 35%), mentre l'Assessore a 684 Euro (con indennità maggiorata del 35%).


Il dibattito è sempre aperto e pubblico a chiunque abbia voglia di scriverci...

www.amendolara.eu
febbraio 2016


Home | Presentazione | News | Galleria Fotografica | Monumenti | Feste e Tradizioni | Video | Contatti | Download | Links | Guestbook | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu