AMENDOLARA.EU - Foto, Video, Cultura, Tradizioni ed Eventi

Cerca

Vai ai contenuti

Soluzione del gioco. I vincitori

Centro Studi per Amendolara



IL TIRACCIO, anno XIX, n.5, maggio 1993, p.11.

Soluzione del gioco proposto ai nostri lettori.
Di Rocco Turi


Sul Tiraccio di marzo il Centro Studi Per Amendolara, in collaborazione con il nostro giornale, aveva proposto agli affezionati lettori la risoluzione di un anagramma a frase.
Il quesito era:


AMENDOLARA


La soluzione del gioco è:

DARE LA MANO


Auguri a tutti i lettori che hanno ben risolto il gioco. Ecco i nomi di coloro che hanno fatto pervenire la risposta esatta alla redazione del Tiraccio: sig.ra Maria Magnelli di Novara, preside Giovanni Laviola di Trebisacce, impiegati dell'ufficio tecnico del comune di Amendolara. I vincitori del gioco potranno ritirare presso la redazione del giornale uno dei seguenti volumi:
Non solo mafia (2^ ed. Edigraf 1993), di Pino Nano / Droga e società in Calabria (2^ ed. Rubbettino), di Rocco Turi / Mafia Stato Società, Atti 3^ Conferenza Regionale, con la partecipazione di Rocco Turi (volume edito da Rubbettino).
Il Centro studi ricerche e documentazioni sociali e antropologiche di Amendolara Marina - che ha offerto i premi - invita i lettori a partecipare al successivo gioco, che verrà presentato su una delle prossime edizioni del Tiraccio.
La signora Magnelli, il preside Laviola e i tecnici del comune di Amendolara, che sono antichi abbonati del Tiraccio, hanno pienamente compreso il messaggio di partecipazione lanciato attraverso il gioco proposto. Non a caso, "dare la mano" è proprio il gesto che la direzione del Tiraccio e il Centro studi ricerche e documentazioni sociali e antropologiche di Amendolara Marina intendono compiere idealmente, nella convinzione che il regresso civile e sociale manifestato nel territorio altojonico possa essere recuperato attraverso la proficua collaborazione sul piano culturale e la solidarietà comune fra la gente nel mirare gli obiettivi di crescita e di progresso.
Gli eventi hanno ampiamente dimostrato l'inadeguatezza delle iniziative politiche locali e gli amministratori di questo territorio pare abbiano piuttosto contribuito a innescare scintille di conflittualità e di esasperato provincialismo. Ne sono sintomo l'apatia e l'inoperosità della popolazione sui problemi sociali del territorio, lo sciovinismo, il rifugio nel passato e il ricorso a episodi mitizzati, piuttosto che realizzare con entusiasmo e carica dinamica i modelli di uno crescita possibile. L'indifferenza e l'accidia si avvertono nelle polemiche di campanile, nel qualunquismo ricorrente e pure nella frequente e inutile pacchianeria del linguaggio. E' evidente altresì la formazione di gruppi sociali chiusi al loro interno e rigidamente separati dagli altri, quasi delle caste superflue che intenderebbero costruirsi particolari privilegi.
Il Tiraccio e il Centro studi ricerche e documentazioni sociali e antropologiche di Amendolara Marina si augurano di ricompattare la gente dell'alto jonio intorno a un unico e aperto progetto culturale, che abbia lo scopo di uscire dal ghetto in cui versa l'intero territorio. E' necessario, però, che sia percepita la consapevolezza dell'isolamento e della dimensione ghettizzata dell'alto jonio calabrese. Diversamente, sarà più difficile ma ugualmente possibile.


www.amendolara.eu
Maggio 2012


Home | Presentazione | News | Galleria Fotografica | Monumenti | Feste e Tradizioni | Video | Contatti | Download | Links | Guestbook | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu