AMENDOLARA.EU - Foto, Video, Cultura, Tradizioni ed Eventi

Cerca

Vai ai contenuti

SPECIALE ELEZIONI AMMINISTRATIVE AD AMENDOLARA - 1 (1993)

Centro Studi per Amendolara



SPECIALE ELEZIONI AMMINISTRATIVE AD AMENDOLARA - 1 (1993)




IL TIRACCIO
Anno XIX, n.6, giugno 1993, p.1.

SPECIALE ELEZIONI AMENDOLARA

Dopo dieci anni gli elettori tolgono la fiducia all'ing. Franco Melfi.
L'arch. Maria Rita Acciardi eletta sindaco di Amendolara.
di Raffaele Galasso


Maria Rita Acciardi: voti 1100, Franco Melfi: 1092.
Sicuramente questi numeri resteranno nella storia della cittadina jonica, dove s'è votato domenica 6 giugno 1993. Data storica, anche perché si votava per l'elezione "diretta" del sindaco.
Una manciata di voti che ha fatto la differenza, 8 voti che, come accade in questi casi, accenderanno sicuramente polemiche, innescheranno i soliti meccanismi: dubbi, ricorsi, etc.. Ma, in definitiva, seppure dovesse essere improvvisamente stravolto questo dato elettorale, la sostanza non cambia: Amendolara si presenta comunque spaccata in due blocchi granitici, quello cresciuto accanto all'Ing. Franco Melfi e quello che si è nutrito di speranza di cambiamento ed ha visto nell'Arch. Maria Rita Acciardi il punto di riferimento. Un paese che dovrà, e potrà, ritrovarsi nella comune volontà di crescere insieme e lavorare per il bene comune.
Al di là della lotta tra questi due leaders, bisogna che la serenità torni su Amendolara. Bisogna che ad Amendolara, e non solo ad Amendolara, si cominci a guardare oltre le mura "paesane", perché non è concepibile, alle soglie del duemila, che vincano ancora le "fazioni" e gli interessi piccoli del campanile. I paesi, i nostri paesi soprattutto, devono guardare oltre, allargare gli orizzonti, per tentare di costruire "insieme" una realtà territoriale ed umana più grande. Oggi, dobbiamo pensare al comprensorio. Un Alto Jonio unito, attivato in un'unica volontà di crescere, che sappia mettere insieme le proprie risorse, può dire molto di più che un paese, seppure illustre, ancora circondato da mura.
La volontà popolare di Amendolara, infine, va rispettata, anche se, come per la parte perdente, con l'amaro in bocca. Il problema vero di Amendolara non può essere rappresentato da cifre, sebbene dalla capacità, dalla forza dei motivi, dalla volontà, dal lavoro e dalla passione che saprà esprimere la forza emergente, perché gli anni che verranno saranno decisivi non solo per la sorte di Amendolara, ma per tutto il Paese.
Infine, al di là dei meriti o demeriti di Franco Melfi, che pure ha dato con passione ed impegno, non si può non cogliere, anche ad Amendolara, lo spirito di cambiamento che soffia su tutto il Paese. E qui, Amendolara dimostra di vivere il momento storico particolare e di essere aderente ai tempi.

Raffaele Galasso


Il giornale è interamente dedicato a uno speciale "in tempo reale" sulle elezioni amministrative ad Amendolara che, su proposta di Rocco Turi, il direttore Galasso ha amichevolmente voluto realizzare. Si è trattato della prima iniziativa in assoluto nell'intero comprensorio dell'Alto jonio. Oltre all'articolo di Raffaele Galasso, nella prima pagina c'è un editoriale di Giulio Burgo, ci sono i nomi di tutti i candidati delle due liste in lizza e i nomi di tutti gli eletti. La prima pagina è completata da due richiami sul contenuto interno de Il Tiraccio: Analisi del voto amministrativo di Amendolara, del sociologo Rocco Turi; Interventi del neo-sindaco arch. Maria Rita Acciardi e del sindaco uscente ing. Franco Melfi. In prima pagina vi sono le foto di Maria Rita Acciardi e di Franco Melfi.


www.amendolara.eu

maggio 2015

Home | Presentazione | News | Galleria Fotografica | Monumenti | Feste e Tradizioni | Video | Contatti | Download | Links | Guestbook | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu