AMENDOLARA.EU - Foto, Video, Cultura, Tradizioni ed Eventi

Cerca

Vai ai contenuti

SPECIALE ELEZIONI AMMINISTRATIVE AD AMENDOLARA - 6 (1993)

Centro Studi per Amendolara



SPECIALE ELEZIONI AMMINISTRATIVE AD AMENDOLARA - 6 (1993)

L'INSERTO DI CALABRIA
Settimanale indipendente di informazione regionale,
Direttore Francesco Gallina,
anno 1, n. 34, 24-30 giugno 1993, p. 30.


Acciardi nuovo sindaco

Per otto voti il sindaco uscente Melfi non ce la fa.
Amendolara: una città spaccata in due.


di Franco Maurella


Per soli otto voti Franco Melfi, sindaco uscente, non viene confermato. 1100 a 1092, questo il fotofinish delle amministrative del 6 giugno ad Amendolara. Il responso alla fine di una campagna elettorale tirata, al limite del consentito e, a volte, del lecito.
Due schieramenti agguerriti e guidati da professionisti che sono in politica da troppo tempo per non conoscere l'arte della campagna elettorale, condotta senza esclusione di colpi, all'ultimo voto.
Il nuovo sindaco di Amendolara è l'architetto Maria Rita Acciardi, socialista, Presidente della Comunità Montana dell'Alto Jonio. Abdica, dopo dieci anni, l'ingegnere Franco Melfi, consigliere provinciale eletto nelle liste del PDS. Melfi e la sua lista (Arco e gente di Amendolara) non si rassegna: annuncia ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale per ottenere giustizia.
Il ricorso, affidato all'avvocato Scalzi di Catanzaro, si basa su 13 schede contestate e non attribuite, su 9 schede nulle. Pare manchi il timbro sulle liste elettorali di alcune sezioni. La cosa lascia del tutto indifferenti l'Acciardi e la sua coalizione (Insieme per cambiare).
Il neo sindaco ha già prestato giuramento al cospetto del Prefetto Ceccherini ed ha convocato, il 13 giugno, il primo Consiglio Comunale, nominando gli assessori e conferendo loro le deleghe.
L'esito delle elezioni ci restituisce una cittadina spaccata in due; divisa - dirà il sociologo giornalista Rocco Turi - da lotte intestine, da guerre intrafamiliari create da due raggruppamenti che hanno covato odio, acredine, invidia.
Tocca alla nuova maggioranza ricucire lo strappo, smorzare i toni di una politica avvelenata da astio e rancori latenti. Può farlo solo con la bontà del programma sbandierato in sede di campagna elettorale: deve farlo, rimboccandosi le maniche e operando e dando ad Amendolara ciò che tutti si aspettano. E, prima d'ogni cosa la tranquillità e la serenità dei suoi cittadini.

Franco Maurella


www.amendolara.eu

maggio 2015

Home | Presentazione | News | Galleria Fotografica | Monumenti | Feste e Tradizioni | Video | Contatti | Download | Links | Guestbook | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu